Auditorium del Conservatorio di Rovigo via Pighin via Casalini

DSC_5144

Nel 1988 a fronte delle esigenze didattiche del Conservatorio, il Comune di Rovigo ha dato inizio ad un progetto di ristrutturazione del piano terra dell’ala sinistra del Palazzo Ex-Vescovado, che ha portato nell’ottobre 2009 all’inaugurazione del nuovo Auditorium del Conservatorio.

Gli spazi interni dell’edificio sono raggiungibili da via Casalini 23/25 e da via Pighin.

DOTAZIONI TECNICHE E APPARECCHIATURE MULTIMEDIALI DELLA SALA:

- una postazione di reception all’ingresso per informazioni e registrazioni;
- uno schermo gigante a monitor 50 pollici per fornire informazioni preliminari all’evento o divulgare immagini audio-video;
- sistema di amplificazione sonora del parlato dei relatori tramite conference system a filo tavolo e 2 microfoni a cono
- proiezione segnali provenienti da un PC portatile (con audio) posto sul podio, sul tavolo relatori o in sala regia;
- n° 117 posti a sedere
- n°8 posti al tavolo oratori;
- un podio con possibilità di collegamento PC portatile;
- una sala regia;
- possibilità di collegamento alla rete internet mediante WI.FI;
- un guardaroba;
- ambienti per catering;
- un parcheggio privato per ospitare gli automezzi di allestimento del locale

I locali dell’Auditorium comprendono: il palco teatrale (dimensioni: lunghezza 10 metri, larghezza 5 metri) e sul retro la sala prove, i camerini, e i servizi destinati agli orchestrali.

DSC_5171

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Elezioni: “Rovigo merita un governo all’altezza”

24 febbraio 2015

Gli impegni parlamentari frenetici e serrati delle ultime settimane non hanno permesso al deputato e segretario regionale del Partito Democratico Roger De Menech di essere a Rovigo prima di oggi, il sostegno alla candidata sindaco Nadia Romeo non è mancato e in conferenza stampa il 20 febbraio, è stato rimarcato.

Il segretario provinciale del Pd Julik Zanellato: “La nostra e la sua presenza attorno alla candidata sindaco sta a testimoniare la voglia, l’entusiasmo e la passione di un partito nel suo complesso di affrontare la fase nuova che si apre. Nadia Romeo ha vinto le primarie, abbiamo avuto una grande partecipazione popolare (quasi 4000 votanti), è stata una bella competizione, vera, tra cinque candidati che hanno saputo mettere le loro idee programmatiche essenziale e alimentato un bel confronto in città. Sta a noi mettere a frutto l’esito e far sì che il centrosinistra possa giocarsi la campagna elettorale e ambire a conquistare il Comune di Rovigo. Torneremo ad ascoltare i cittadini in centro e nelle frazioni, andremo ad elaborare il programma in base ai temi che emergeranno”.

“Un tema centrale del programma – aggiunge Zanellato – sarà il ruolo di Rovigo nel Veneto, la città ha sofferto di marginalità non solo economica ma anche sociale e culturale e soprattutto politico-istituzionale. Ci sarà da fare squadra tra il Pd rodigino e quello veneto. Finalmente c’è una squadra che copre tutto il territorio comunale, c’è un gruppo coeso, senza sfilacciature del passato, efficiente”.

Proiettata al futuro, al nuovo inizio per Rovigo Nadia Romeo: “La sfida è far diventare Rovigo effettivamente capoluogo. Belluno, l’altra Cenerentola veneta, è molto cresciuta. Rovigo può dare molto al Veneto, essere laboratorio di idee, innovazioni e opportunità. Dagli investimenti al rilancio dell’Università, dobbiamo costruire reti e sinergie per vincere e far diventare Rovigo città delle opportunità. Chiediamo al segretario regionale di rappresentare l’impegno e la volontà che ha Rovigo, le 4000 presenze in un momento in cui le primarie non godono di un momento di salute sono un segnale: la gente ha molte aspettative”.

L’attenzione di Roger De Menech è stata principalmente focalizzata sulle primarie svolte e sulle sfide prossime da affrontare: “Il momento della politica nazionale è complicato, difficile trovare tempi e spazi per incontrare i cittadini. Le primarie sono un esercizio nel dna del Pd, con dei regolamenti e dei modi ancora in divenire. Ci distinguono però nella capacità di portare fuori un partito ordinato, coi suoi passaggi democratici di scelta. Non avevo dubbi sugli ottimi risultati, è una fase di passaggio. Siamo strumenti della politica, il fine ultimo è vincere i territori con proposte politiche. Ho scoperto una città che da cittadino veneto conoscevo in maniera marginale, una città splendida che merita un governo all’altezza. Nella marginalità ci sono difficoltà e bellezze, non è sufficiente avere agganci in Regione, il fallimento della politica sta nel non erogare veri servizi ai cittadini. Dobbiamo rimettere al centro la buona amministrazione, non è buona politica andare dal superiore col cappello in mano. Non è il progetto del Pd. La confusione che regna nell’altro campo ci fornisce una grande occasione. Noi abbiamo fatto scelte chiare, siamo stati lineari e ordinati nell’indicare Nadia Romeo candidata sindaco di Rovigo. La sfida di Rovigo è fondamentale, a Venezia primarie tra due settimane per completare il quadro. Sono sicuro che faremo bene in tutti i fronti”.

“A Rovigo non ci sono problemi sulle candidature, per una volta – conclude De Menech – il modello americano comporta che chi perde entra nello staff elettorale del vincitore, questo è il lavoro e il messaggio che si deve mandare anche a Rovigo. Se tutte le forze politiche parlano col Pd è perchè siamo al centro della partita politica”.

A margine dell’incontro si è anche parlato di coalizione, Nadia Romeo ha commentato l’uscita di Alessandro Monini e Federico Frigato dalla squadra: “Tutti e cinque hanno dato valore alle primarie, sulle scelte personali di ognuno non posso entrare nel merito. Parleremo di nuovo con loro e per il loro elettorato. Va recuperato e stiamo dialogando. L’apertura da parte nostra c’è sempre stata, è stato firmato un preambolo politico, un patto. Se ci ripensano ben venga, un discorso col loro elettorato c’è anche con risultati positivi”.

Invece a Julik Zanellato il discorso sulle alleanze: “Siamo dei gran testardi, riproporremo il gioco di squadra e proporremo incontri con tutti i soggetti politici di centrosinistra, per spingere Nadia alla vittoria delle elezioni al primo turno. Prima di tutto ricompattamento forte del Pd, la convergenza deve essere soprattutto programmatica. Guardiamo anche ai movimenti civici e ai moderati di centro, Silvia Menon e Massimo Carravieri sono due espressioni con cui dialogare”.

 

Alla c.a.  Membri del direttivo

Carissime e Carissimi Vi comunico che giovedì 26 2 2015 ore 21 presso la sede provinciale del PD Via Mure San GIuseppe 14 ė convocato il direttivo di circolo con il seguente odg:

Comunincazioni del segretario;

Elezioni comunali 2015 

VI aspetto 

VIrna Riccardi

coordinatrice di CIrcolo Rovigo Centro 

 

Incontro con on. Roger De Menech segretario regionale del PD

"Una splendida città che merita un governo all'altezza"

“Siamo strumenti della politica, il fine ultimo è vincere i territori con proposte politiche.

La confusione che regna nell'altro campo ci fornisce una grande occasione.

Noi abbiamo fatto scelte chiare,

siamo stati lineari e ordinati nell'indicare Nadia Romeo candidata Sindaco di Rovigo"